Ettore

E tu onore di pianti, Ettore, avrai, ove fia santo e lagrimato il sangue per la patria versato, e finché il Sole risplenderà su le sciagure umane…. (articolo di prova)

montagne che varcai, in realtà Alexandros

Montagne che varcai! dopo varcate, sì grande spazio su di voi non pare, che maggior prima non lo invidïate Azzurri come cielo, come il mare, o monti! o fiumi! era miglior pensiero ristare, non guardare oltre, sognare. Il sogno è l’infinita ombra del Vero. Articolo di prova, non l’ho scritto io……

zacinto

Né più mai toccherò le sacre sponde ove il mio corpo fanciulletto giacque, Zacinto mia, che te specchi nell’onde del greco mar da cui vergine nacque Venere, e fea quelle isole feconde col suo primo sorriso, onde non tacque le tue limpide nubi e le tue fronde l’inclito verso di colui che l’acque…….