Educazione fisica nella primaria e il Miur scivola persino sul progetto Ferrero.

Volendo essere superstiziosi si potrebbe pensare che esista una sorta di maledizione sul settore dello sport a scuola e che una forma di nuvolona fantozziana, tra tuoni e fulmini, procuri inciampi continui.
L’ultimo esempio viene dalla diffusione di una nota che ha come oggetto:
Valutazione nazionale replicabilità modello educazione fisica scuola primaria e per l’infanzia ” Joy of moving”-individuazione scuole partecipanti.
Il progetto non è nuovissimo infatti è stato presentato a Expo 2015 è già un alto numero di scuole ha aderito nelle ultime due stagioni.
E vediamo dove sta lo scivolone descritto nel titolo.
La e-mail di notifica è stata inviata il 12 ottobre alle direzioni regionali e la scadenza, per le 100 scuole da selezionare per la sperimentazione 2017-18, vede come scadenza il 15 ottobre.
Oltre al consueto impegno richiesto a ogni istituto che voglia aderire si chiede di acquisire la delibera specifica da parte degli organi collegiali. e cioè collegio docenti e il consiglio d’Istituto. per poi inserire il tutto nel piano triennale dell’offerta formativa.

Continua…Educazione fisica nella primaria e il Miur scivola persino sul progetto Ferrero.

Aggiornamento insegnanti nell’atletica; la Fidal lascia senza parole.

coniPiccolo aggiornamento delle 10.08 di lunedì. Per iniziative di vario tipo esiste anche il Portale Sofia del MIUR. Una miriade di Enti e di corsi. Confermo che fino alle 10.00 la Fidal non c’era. Presenti altre iniziative sportive.  Silvano

Appena il tempo di descrivere le preoccupazioni che nascono verificando i programmi dei Licei sportivi in ordine al futuro degli studenti che la Fidal riporta immediatamente al presente con un programma di aggiornamento per docenti di educazione fisica decisamente inverosimile.
Eppure l’avvio del nuovo sito ministeriale relativo allo sport scolastico ( www.sportescuola.gov.it/ ) ed a tutte le sue connessioni poteva dare il segno di qualche novità positiva; non è stato così.
Prima di vedere rapidamente da un punto di vista tecnico la proposta federale è indispensabile analizzare la questione normativa.
Sappiamo tutti come la Scuola non possa essere diversa dal resto della società e per un’Italia in crisi è impensabile una istruzione eccellente in ogni campo.
Anche il Ministero, pur sempre in ritardo rispetto ai tempi, cerca periodicamente di affinare le proprie regole e tra queste esistono quelle relative agli aggiornamenti e formazione.

Continua…Aggiornamento insegnanti nell’atletica; la Fidal lascia senza parole.

Tra licei sportivi, scuole sportive e studenti atleti serve una riflessione, e forse anche una revisione.

Com’è logico attendersi dopo una serie di insuccessi sportivi internazionali iniziano le valutazioni in ordine a come migliorare il reclutamento, la programmazione pluriennale, la gestione degli atleti di alto livello, la capacità di vincere Olimpiadi e Mondiali eccetera eccetera eccetera.
Va da sé che nel Paese meno autocritico del mondo la responsabilità sarà ancora una volta attribuita alla Scuola dimenticando che molti aspetti della vita sociale quali sanità, trasporti, scuola giustappunto e sport sono molteplici facce della stessa medaglia.
In realtà nelle ultime stagioni nessun Governo nel mondo ha inserito all’interno del mondo educativo un insieme di norme così imponente come ha fatto l’Italia per lo sport scolastico.
Che poi lavoro sia stato fatto bene è ancora tutto da dimostrare.

Continua…Tra licei sportivi, scuole sportive e studenti atleti serve una riflessione, e forse anche una revisione.

Campionati studenteschi 2018; il Ministro decide l’eutanasia dello sport a scuola.

Chi scrive ritiene, forsanche a torto, di essere uno dei maggiori esperti di programmazione dello sport scolastico soprattutto perché riesce a leggere fino in fondo le circolari e i progetti del Ministero e delle Federazioni.
Nonostante questa auto premialità, dovuta sia alla propria immensa modestia sia ad aver fatto in un colpo solo, e senza bocciature, le scuole elementari prima dell’Isef, l’insieme del Progetto Tecnico e delle accompagnatorie relative all’attività 2017 2018 sembra impossibile da comprendere e analizzare soprattutto nelle sue vere finalità.
È ovvia la necessità di predisporre per tempo Progetti e Schede Tecniche; non altrettanto ovvia la necessità di elaborare prassi che sono in assoluto conflitto con la diffusione generalizzata dello sport.
L’intero progetto è inserito a fondo pagina e certamente su alcuni aspetti specifici sarà utile tornare nelle prossime settimane.
Prima di descrivere le novità negative è il caso di segnalare cosa manca!
Alcuni passaggi della circolare numero 04897 del 6 ottobre sono assolutamente prescrittivi riguardo agli obblighi di ogni singola istituzione.

Continua…Campionati studenteschi 2018; il Ministro decide l’eutanasia dello sport a scuola.